';

Fiorentina beffata

Iachini ha gustato la vittoria al suo esordio fino alla risposta di Orsolini

Iachini perde la sua prima vittoria sulla panchina viola nei minuti di recupero

La befana ha fatto un brutto scherzo ai gigliati che hanno avuto in mano i tre punti, importantissimi per il morale viola oltre che per la classifica, fino allo sfadere dei minuti regolamentari. Ma sul finale dei minuti di recupero arriva la doccia fredda. Al Dall’Ara la Fiorentina ha meritato di vincere, ma come spesso accade è la tenacia ad essere premiata, il Bologna ci ha creduto ed è riuscito ad agguantare il pareggio. Comunque questa Fiorentina con il nuovo mister ha già mostrato segnali di miglioramento sia sul piano del gioco che nella personalità del gruppo. Dopo un primo tempo passato a studiarsi, la Fiorentina dimostra di essere in palla e di tenere in mano il pallino nonostante il gol di Palacio al 10°, annullato per fuorigioco. Al 13° è Chiesa a fare la differenza passando una bella palla gol a Skorupski che si lascia neutralizzare. La Viola c’è, ordinata in campo e con una buona regia riesce a sbloccare il risultato al 26’ con Benassi che da fuori area realizza un gol splendido. Il resto della gara procede con la Fiorentina che manovra e il Bologna intento a contenerla. Dopo il tentativo di Pezzella, il suo colpo di testa passa alto di poco sulla traversa, ci prova Chiesa nella ripresa, ruba palla ruba palla sulla trequarti bolognese ma è Vlahovic spreca l’occasione del raddoppio. Il Bologna attacca ma non riesce a creare molto. Al 21′ Iachini toglie Vlahovic, fin qui poco incisivo, e manda in campo Boateng.  Al 22′ ancora un ottimo Dragowski para su Sansone lanciato a rete. Al 25′ è Chiesa ad avere la palla del 2-0 ma si fa respingere dopo una bella azione in contropiede. Al 36’ è Dalbert a sprecare il raddoppio con un tiraccio, senza servire Chiesa libero. Il Bologna ci prova e in pieno recupero, i viola subiscono la beffa: splendida e potente punizione di Orsolini da posizione molto defilata (con un indemoniato Iachini che chiede ai suoi un diverso piazzamento), Dragowski battuto e palla in gol all’angolino sul primo palo. Peccato per la Fiorentina che avrebbe, in tutta onestà, meritato i tre punti.
la Redazione