';

CITTÀ DEL MESSICO

INTER CAMPUS

Inter campus Messico Inter campus Messico

CITTÀ DEL MESSICO – INTER CAMPUS

di Giovanni Labanca

Occupiamoci, ogni tanto, anche di un’altra lodevole iniziativa dell’Inter:gli INTER CAMPUS. Ce ne sono in ogni nazione del mondo, regolati da statuti rigidi e diretti da grandi ex calciatori dell’Inter. Lo scopo sociale è la grande attività che svolgono, contro l’abbandono e la miseria di tanti ragazzi, altrimenti senza speranze.

Oggi ce ne andiamo, metaforicamente s’intende, in Messico, dove Inter Campus opera dal lontano 2003. Negli ultimi dieci anni sono stati attivati progetti in diverse aree della Repubblica, ognuno con particolari obiettivi sociali spesso simili tra loro. La violenza, il machismo, la criminalità ed il narcotraffico alimentano nella popolazione il terrore ed il costante flusso migratorio verso Stati Uniti e Canada.  I dati sono sconcertanti, l’intervento nel Paese ha come denominatore comune la formazione tecnico-pedagogica degli allenatori locali da parte del staff interista e l’utilizzo del gioco del calcio per contribuire alla formazione dell’individuo a 360°.

Questa seconda visita della stagione ha inizio nella capitale, culla della civiltà Maya, costruita sull’altopiano centrale a circa 2000 metri d’altitudine la città Stato, il Distretto Federale, qui la delegazione italiana monitora lo stato dei progetti nei vari nuclei e svolge le dimostrazioni pratiche sui campi da calcio sotto attenta osservazione degli allenatori locali.

Percorrendo poche centinaia di metri dalla cattedrale barocca costruita dai Conquistatori spagnoli con i resti delle rovine dei templi, nella piazza della Costituzione, conosciuta anche come Zocalo, cuore della città, raggiungiamo il famigerato quartiere di Tepito dove si trova la Fundaciòn Renacimiento. La zona conosciuta da tutti per la sua pericolosità e per la facilità con cui ci si può procurare qualsiasi cosa… I circa 30 bambini del progetto ospiti della struttura si trovano in situazioni sociali molto gravi e le loro storie sono particolarmente tragiche. La Fondazione offre loro assistenza occupandosi della frequenza scolastica e della formazione professionale attraverso laboratori di informatica, musica, gastronomia e tanto altro.

Per questi ragazzi il gioco del calcio è una valida alternativa alle tentazioni del “barrio”. Inter Campus in questo contesto estremo agisce favorendo un percorso mirato al recupero della persona, al reinserimento sociale ed all’ inclusione.

Le Coppe dei Campioni si vincono anche così.