';

Juventus top club d’Europa e regina della Serie A

De Ligt ha deluso, probabile partenza per lui

Il difensore, deluso, è pronto a lasciare Torino

La sosta del campionato ha permesso alla squadra di Andrea Agnelli di meditare e di studiare la sconfitta con la Lazio subita nella Supercoppa italiana in Arabia Saudita, e certo che questa sconfitta è arrivata in un periodo piuttosto delicato per la squadra di Maurizio Sarri, la difesa è il punto debole di un inizio di stagione non particolarmente convincente e le 17 reti subite in 17 giornate la portano ad essere al terzo posto dopo Inter e Lazio che di poco gli sono davanti. L’arrivo del difensore olandese De Ligt non ha migliorato la situazione, anzi spesso è stato lasciato in panchina ed è stato sostituito dal difensore turco Merih Demiral che è sempre più in pole position in una difesa bianconera che ha bisogno di riorganizzarsi e prepararsi con ulteriori innesti da qui a fine stagione a sostituire gradualmente nomi del calibro di Chiellini, Bonucci e anche di Buffon. Il difensore turco nelle gerarchie ha scavalcato oltre all’olandese anche Daniele Rugani che fin qui ha totalizzato almeno 20 panchine tra campionato e coppa, a gennaio è probabile un suo addio alla Juventus. Per quanto riguarda la situazione acquisti, il ds Paratici non è stato a guardare e dopo avere dato un secco no ad una richiesta di ingaggio milionario da parte del giocatore del Salisburgo Haaland, ha dirottato l’attenzione su un giovane attaccante classe 1999 in forza al PSV Eindhoven Donyell Malen e che è sotto procura di quel Mino Raiola che è sempre di più il Re Mida di un calcio sempre più ricco. Il 2020 vede i bianconeri iniziare l’anno con il match di Torino allo Stadium contro un Cagliari mai domo, e la giornata è la numero 18 della serie A. Ronaldo Maran arriva a Torino con l’intenzione di proseguire con i molti risultati utili acquisiti giocando un buon calcio e dimostrando che spesso le corazzate come la Juventus non possono essere un ostacolo impossibile da scavalcare anche per un Cagliari che non possiede dei Top Player ma che ha una voglia di stupire giocando il calcio dei Naiggolan, dei Simeone e dei Nandez.
di Pier Carlo Fantini Forneris