';

Juventus scatenata, virtualmente a -4 dal Milan

I rossoneri, alla loro prima sconfitta stagionale, hanno fatto del loro meglio

Federico Chiesa sblocca la partita a San Siro Federico Chiesa sblocca la partita a San Siro

Juventus scatenata, virtualmente a -4 dal Milan

I rossoneri, alla loro prima sconfitta stagionale, hanno fatto del loro meglio

di Severa Bisceglia

Pareggio di Calabria
Pareggio di Calabria

Il big match di San Siro tra i rossoneri e la Juventus, in ritardo di dieci punti, chiude questo turno infrasettimanale. Avvio scoppiettante al Meazza, già al 2’ Castillejo sfrutta un errore di Bentancur ma sbaglia il suggerimento per Leao, dall’altra parte Dybala, servito da Frabotta, non riesce a chiudere la giocata. Il primo corner della serata è del Milan, nulla di fatto. Ci prova anche Hauge, servito da Calhanoglu, col destro ma non passa. Da notare le difficoltà di concentrazione di Bentancur che continua a perdere palloni pericolosi. Frabotta serve la Joya che calcia sopra la traversa. Milan in difficoltà e la Juventus prende le misure per andare in rete. Prima Ronaldo con un cross dalla sinistra, Kjaer spedisce in corner, un minuto dopo palo di Chiesa con Donnarumma che non vede neppure la palla. Ancora Chiesa, imbeccato con un colpo di tacco da Dybala che si libera di Romagnoli, e questa volta la mette dentro con un diagonale. Milan-Juventus 0-1 e siamo solo al 18’. Prova a reagire il Milan con Leao, il suo sinistro sfiora il palo di Szczesny. Chiesa questa sera fa il fenomeno, è carichissimo, incursione centrale dell’ex viola che scarica un tiro violento dalla distanza che trova i pugni di Donnarumma. Sembra una sfida diretta tra Chiesa e Leao, procedono con botta e risposta, il portoghese rossonero riceve da Hauge e calcia di sinistro sul primo palo, Szczesny si fa trovare pronto. Il Milan vuole il pareggio, ci provano Calhanoglu e Hauge, ma con poca fortuna, toccherà a Calabria pareggiare al 41° minuto: lui serve Leao che avanza, riceve ancora palla dal portoghese e piazza il destro che vale l’1-1. Il Milan di Pioli gira anche senza Ibrahimovic. Bella sfida al Meazza, continui cambiamenti di fronte, le due squadre si sbilanciano alla ricerca del gol. Il primo tempo finisce senza minuti di recupero, ci aspettiamo una sfida ancora più avvincente nella seconda frazione di gioco. Tornano in campo le stesse formazioni, si riparte. Milan subito pericoloso con Dalot, l’estremo difensore bianconero si fa trovare pronto. Ancora occasione per il Milan ma è la Vecchia Signora a impostare il gioco con improvvise verticalizzazioni di Ronaldo e Ramsey, il gallese ha preso l’esterno della rete. Bianconeri in avanti, determinati a giocarsi la partita della vita, una vittoria a San Siro è sempre da mettere in bacheca. Primo giallo della partita, sul taccuino di Massimiliano Irrati finisce Bentancur che atterra Hernandez.

Weston McKennie chiude la partita
Weston McKennie chiude la partita

Raddoppio della Juve al 62’ grazie alla doppietta di uno scatenano Chiesa costretto, subito dopo il gol, a lasciare il campo per un problema muscolare, al suo posto entra Kulusevski, fuori anche Dybala sostituito da McKennie. Interviene anche Pioli: fuori Hauge e dentro Brahim Diaz. Rischia Bentancur, già ammonito, per fallo su Castillejo. Irrati grazia il centrocampista bianconero ma Pirlo corre ai ripari, fuori Bentancur e dentro Arthur. Vicino al gol ancora la Vecchia Signora con McKennie, su assist di Ronaldo al 71’. Lo statunitense sta solo prendendo le misure per il gol che mette a segno cinque minuti dopo. Juventus 3 Milan 1, Pioli si gioca il tutto per tutto mandando in campo Kalulu, Conti e Daniel Maldini che rilevano Kjaer, Calabria e Dalot.

Il Milan, alla sua prima sconfitta stagionale, non approfitta per l’allungo in classifica mentre la Juventus si porta meritatamente in quarta posizione a -7 dalla vetta con una partita da recuperare quindi virtualmente a -4.

Milan-Juventus 1-3

18′ e 62′ Chiesa (J), 41′ Calabria (M), 76′ McKennie (J)

Milan (4-2-3-1): Donnarumma; Dalot (81′ D. Maldini), Kjaer (81′ Kalulu), Romagnoli, Hernandez; Calabria (81′ Conti), Kessié; Castillejo (87′ Colombo), Calhanoglu, Hauge (68′ Diaz); Leao. All. Pioli

Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, De Ligt, Frabotta (87′ Demiral); Chiesa (64′ Kulusevski), Bentancur (74′ Arthur), Rabiot, Ramsey (74′ Bernardeschi); Dybala (64′ McKennie), Cristiano Ronaldo. All. Pirlo

Ammoniti: Bentancur (J), Danilo (J)