';

Big match di giornata: obiettivo Europa, scontro diretto

La Roma vuole la Champions, il Milan l’Europa League

Milan-Roma Milan-Roma

Big match di giornata: obiettivo Europa, scontro diretto

La Roma vuole la Champions, il Milan l’Europa League

di Severa Bisceglia

Una 28esima giornata più calda del solito, non solo dettata dal termometro. Ieri gli anticipi di Brescia-Genoa, conclusasi con un pareggio poco utile ed entrambe le formazioni, e Cagliari-Torino che la squadra di casa ha fatto sua mandando sempre più giù in classifica l’undici granata che ha perso la vena iniziale di questa stagione. Oggi la partita di cartello è sicuramente Milan-Roma. Il Diavolo dovrà fare a meno di Zlatan Ibrahimovic, ha recuperato ma non è ancora pronto per scendere in campo. Il rientro del centravanti svedese è destinato a slittare a mercoledì prossimo, nella trasferta con la Spal. Quella del Meazza sarà la sfida di giornata soprattutto per il morale delle due formazioni che arrivano a questa partita entrambe con una vittoria in tasca: il Milan ha battuto il

Milan-Roma
Milan-Roma

Lecce con un sonoro 4-1 al Via del Mare, mentre i giallorossi si sono imposti per 2-1 in rimonta contro la Sampdoria all’Olimpico. Una sfida importante in chiave Europa, Fonseca vuole il quarto posto e Pioli non abbandona l’obiettivo Europa League. A San Siro si scende in campo alle 17.15. Pioli ha pochi dubbi sulla formazione da schierare in campo, ad eccezione del partner di Romagnoli al centro della difesa. La speranza è quella di recuperare Kjaer per metterlo in marcatura su Dzeko, qualora il danese non dovesse farcela giocherebbe Gabbia. Duarte rientra in squadra, ma andrà in panchina. Per il resto, dopo la vittoria in terra pugliese, solo conferme per Pioli, a partire dai terzini che saranno Conti e Theo Hernandez. A centrocampo Castillejo e Bonaventura ai lati di Kessié e Bennacer, mentre Calhanoglu agirà alle spalle di Rebic. Turnover invece per Fonseca, che cambia ben sette uomini rispetto alla gara vinta contro la Sampdoria. In porta confermato Mirante, data l’indisponibilità di Pau Lopez. In difesa l’unica costante è Smalling, questa volta affiancato da Mancini con Zappacosta e Spinazzola esterni. In mediana Cristante rileverà Diawara come partner di Veretout. Confermatissimo Dzeko, Fonseca stravolge completamente il tridente alle sue spalle: contro il Milan dovrebbero esserci Under, Pellegrini e Kluivert. Paulo Fonseca cambia, dunque, la Roma per la delicata trasferta di Milano, in panchina gli eroi contro la Samp e via libera ai titolari per questa delicata trasferta. L’allenatore giallorosso, come abbiamo visto, ha preparato diverse novità rispetto alla formazione vista in campo mercoledì sera contro la Sampdoria. Fuori tutte le sorprese del match dell’Olimpico: Ibanez, Bruno Peres, Pastore sono destinati a tornare in panchina. Ma non saranno solo questi i cambi che il tecnico portoghese ha in mente. In difesa, come già detto tornerà Mancini al fianco di Smalling, mentre a sinistra  Spinazzola preferito a Kolarov, non apparso particolarmente brillante. Bruno Peres dovrebbe tornare in panchina con Zappacosta titolare. A centrocampo Diawara, incappato in una serata sfortunata contro la Samp, partirà dalla panchina con Cristante che giocherà al fianco di Veretout. Sulla trequarti Pellegrini potrebbe sostituire Pastore, mentre a sinistra Mkhitaryan va verso la conferma. In attacco Edin Dzeko non ha rivali: per Kalinic ancora panchina, ma il croato è pronto a subentrare in caso di necessità, anche al fianco del bosniaco.