';

Federico Chiesa, l’uomo in più per Pirlo

Tanta corsa e tecnica d vero big da area di rigore

Federico Chiesa Federico Chiesa

Federico Chiesa, l’uomo in più per Pirlo

Tanta corsa e tecnica da vero big da area di rigore

di  Pier Carlo Fantini Forneris

Coppia giovane e ben assortita
Coppia giovane e ben assortita

Essere come Federico Chiesa, attaccante potente che sa attaccare lo spazio e saltare l’uomo è difficile trovarne qualcun altro uguale nella nostra serie A, e quel qualcuno a questi livelli non c’è più e ora gioca nella ricca e moderna Bundesliga,e qui stiamo parlando di un brasiliano che ha fatto gioire ma solo a sprazzi la Juve e parliamo quindi di un certo Douglas Costa ora in forza al Bayern Monaco. Il giovane Federico, nato a Genova e figlio di quel Chiesa che tanto bene fece nella Sampdoria ma anche in nazionale è il gioiellino che sta brillando in questa Juve e che sta dimostrando con i fatti e con la volontà ,che avere lasciato Firenze e cambiato vita non può che avergli fatto bene. Martedì per lui arriva il momento più critico, gioca contro la sua Fiorentina, contro i suoi ex compagni e contro tutta una città. L’umore è buono e tanta voglia di fare bene per lasciare alle spalle periodi duri e colmi di incomprensioni, perché Firenze è risaputo è una piazza difficile e il calcio e la Viola sono parte integrante della vita social di questa città.Federico non è da solo, anzi Federico Bernardeschi e anche Quadrado sono pronti come ex a dare il meglio e magari pure a segnare qualche rete . Domani in panchina i tifosi bianconeri avranno modo di vedere il ritorno di Giorgio Chiellini e di Merih Demiral, difensore turco arcigno e dalle mille risorse, che in coppia con De LIGT fa diventare la difesa della Juve inperforabile. La Fiorentina ha la difficoltà ad arrivare in rete ed ormai a secco di vittorie da molte partite. Il solo giocatore che sta crescendo è Vlahovic, ma da solo non basta e lo stesso Milenkovic che dovrebbe fare da seconda punta non è in grado di migliorare la situazione in avanti, e il momento difficile per il mister Prandelli si sta prolungando lasciando la società nel dubbio di dovere cambiare e potenziare con nuovi acquisti a gennaio. Nel frattempo c’è la Juventus, ostacolo quasi insormontabile per la Viola.