';

Sassuolo-Torino 3-3

Belotti sfida Caputo ma finisce in parità

Sassuolo-Torino 3-3 Sassuolo-Torino 3-3

Sassuolo-Torino 3-3

Belotti sfida Caputo ma finisce in parità

di Severa Bisceglia

Presto per parlare di ultima spiaggia, ma il tecnico Giampaolo, non dorme sonni tranquilli. Le prime quattro sfide hanno portato zero punti nel paniere granata, 8 gol subiti contro i quattro realizzati, e la sfida di questa sera contro il Sassuolo, se non era da dentro o fuori, è stata un termometro per valutare se le idee di Giampaolo avranno tempo per concretizzarsi o se avranno poco tempo e restare un’utopia che vuole il Torino a zero punti.

La nebbia del Mapei Stadium non ha offuscato il gioco
La nebbia del Mapei Stadium non ha offuscato il gioco

La gara giocata stasera contro il Sassuolo doveva segnare la svolta verso la direzione della risalita o verso la crisi conclamata. La tanto attesa svolta si è vista. Al Mapei Stadium, il Sassuolo di De Zerbi, più creativo e più continuo nei risultati, ha ospitato un Torino quantomeno in difficoltà. Il Torino è sceso in campo con il 4-3-1-2 con Verdi e Belotti in attacco, più arretrato Lukic a dare man forte. La difesa a quattro con Vojvoda, Bremer, Lyanco, Rodriguez. Il Sassuolo li riceve con il 4-2-3-1 con la punta Caputo e dietro il trio Berardi, Duricic e Raspadori. A centrocampo De Zerbi ha puntato su Maxime Lopez. Parte bene il Toro, al 10’ è Verdi a farsi parare da Consigli, nell’uno contro uno, un gol praticamente fatto. Nessun problema. Al 33’ sarà il polacco Linetty a portare in vantaggio il Toro, cross di Vojvoda dalla destra e l’ex Sampdoria non sbaglia mettendo dentro la palla da pochi passi. Fine del primo tempo con il Sassuolo, padrone del gioco in avvio, sotto di un gol ma è il Torino a crederci osando fino al meritato vantaggio. Nella ripresa, senza cambi, la musica non cambia. Il Toro macina gioco e colleziona occasioni, uno su tutti il Gallo Belotti che di testa ha riscaldato in più di una occasione i guantoni di Consigli. Il tecnico neroverde corre ai ripari per recuperare la partita: fuori Ayhan, Lopez e Rspadori e dentro Boga, Muldur e Bourabia. Anche Giampaolo procede al primo cambio, dentro Singo al posto di Vojvoda. Fino al 70’ minuto di gioco è un assedio granata, ma al 71’ la doccia fredda per il Toro: Filip Djuricic mette dentro di tacco il pallone dell’1-1. Il Sassuolo si è ripreso e ci crede, due minuti prima è stato Boga a sbagliare a porta vuota il gol del pareggio. Ma è il Torino a fare la partita, in due minuti va in gol prima con Andrea Belotti che resiste a Chriches, dribla Consigli e insacca il 2-1, poi tocca a Saša Lukić segnare l’1-3. Il Torino è fuori dalla zona nera e si illude di tornare a casa con i primi tre punti della stagione. Ma si sbaglia, i padroni di casa non accusano il colpo e fanno di meglio, recuperano il doppio svantaggio in un solo minuto: all’84’ sarà Chiriches a mettere dentro con un destro il 2-3 e un minuto dopo Francesco Caputo pareggia di testa su assist di Domenico Berardi. Partita divertente con continue emozioni su entrambi i fronti e per il Torino arriva finalmente il primo punto in campionato.