';

Juventus-Brescia, testacoda a favore dei bianconeri

Brescia sempre più sofferente

Chiesa e Vlahovic, gli uomini gol

Juventus-Brescia, testacoda a favore dei bianconeri

Brescia sempre più sofferente

Laura Tangari

Il Milan di Pioli chiude stasera contro il Torino di Longo la 24ma giornata di campionato.

L'esultanza di Chiesa
                 L’esultanza di Chiesa

I rossoneri arrivano da un ottimo pareggio con la Juventus, in Coppa Italia, e proveranno a battere la squadra granata, dopo il 2-4 incassato dall’Inter. Non sarà facile per Donnarumma e compagni, perchè i piemontesi hanno il dente avvelenato per la sconfitta casalinga incassata con la Sampdoria. Il Toro, però, grida vendetta anche per la sconfitta di San Siro in Coppa Italia dopo i tempi supplementari, quella che in pratica ha fatto saltare la panchina di Mazzarri. Per il vecchio Diavolo è una partita da ultima spiaggia, perchè a quota 32 in classifica, momentaneamente superato dal Cagliari che ha rimediato un pareggio contro il Napoli, e Parma che si è portata a +3 grazie alla vittoria di misura contro il Sassuolo, in compagnia del Verona che ha pareggiato con l’Udinese. Il Bologna ha subito la brutta sconfitta in casa col Genoa per 3-0, detto questo il Diavolo non ha molte alternative, deve vincere se vuole provare a staccare il biglietto per l’Europa League, soprattutto in vista dell’impegno di sabato prossimo, contro la Fiorentina, dove manco a farlo a posta, si sfideranno Verona e Cagliari. Attualmente la posizione del Milan è a centro classifica. Un risultato che certamente non piace a Boban e Maldini. A proposito di Maldini, complimenti a Daniel, che ha esordito la settimana scorsa, in prima squadra. Sembra ieri quando con Paolo diciottenne esordì per volontà del barone Liedhom, dopo l’amichevole con il Cassano d’Adda, sotto gli occhi di Cesare, decise di mandarlo i campo la domenica successiva, dopo aver compiuto i diciotto anni. Il campionato, sabato e domenica ha regalato altri risultati interessanti.

La Fiorentina alla povera Sampdoria di gol ne ha rifilati ben 5, compreso l’autogol del doriamo Morten Thorsby, seguiranno le due doppiette viola ad opra di Chiesa e Vlahovic. Negli anticipi di sabato, invece, abbiamo assistito alla rimonta nerazzurra che a Bergamo ha battuto la Roma per 2-1, inutile il gol bandiera di Dzeko. Il Lecce si è allontanato sensibilmente dalla zona retrocessione battendo la Spal per 2-1 e il Genoa, come già detto, ha battuto al Dall’Ara il Bologna per 3-0.